Le risorse pubbliche vengono spesso utilizzate con “faciloneria“, “senza verificare il rapporto tra le stesse e gli utilizzi, che non possono essere sballati o approvati solo perché c’è qualche lobby che vince alle due del mattino di fronte ad una Commissione stanca”. Il presidente del Consiglio Enrico Letta è intervenuto così mentre era in visita all’Agenzia delle Entrate, invitando ad un uso parsimonioso delle risorse pubbliche.

Il premier ha avvertito che “chi ha portato i soldi fuori dall’Italia deve sapere che non è come 5-10 anni fa, sappiano che conviene riportare i soldi e pagare quello che si deve perché la situazione internazionale non consente più le coperture di prima”. Annunciando ”una lotta senza quartiere per recuperare le risorse ovunque esse siano, in Svizzera o nei paradisi fiscali” e sottolineando che “lo faremo e lo faremo con forza e determinazione”. Sempre sul fronte fiscale, Letta ha lanciato un avvertimento contro il lavoro in nero. ”Se ci si chiede perché l’Italia è un Paese poco competitivo – ha detto – rispondo perché l’economia in nero è così quantitativamente importante”.

All’incontro era presente anche il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, che ha segnalato come “anche la Svizzera è oggi pronta a cooperare alla lotta all’evasione”, sottolineando che c’è “crescente consenso internazionale alla lotta all’evasione, all’elusione e all’erosione fiscale”. Il ministro ha poi annunciato che “è in arrivo un libro bianco sulla lotta all’evasione fiscale elaborato dal ministero dell’Economia, assieme ad Agenzia delle entrate e Guardia di Finanza.

E ha poi precisato che il libro bianco “cercherà di spiegare cosa è la lotta all’evasione fiscale e perché si fa”, concludendo con un appello: “Spero nelle prossime settimane, se non dopo le vacanze, di poter rendere pubblico questo documento anche come testimonianza del lavoro che voi fate e per il quale esprimo massimo ringraziamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consumatori: “Su Fondiaria Sai un concorso di colpe, commissariare la compagnia”

next
Articolo Successivo

Cina prova a bloccare frenata economica con la concorrenza tra banche

next