Una ragazza tutta d’argento. Altra medaglia per Tania Cagnotto ai campionati del mondo di di nuoto di Barcellona. L’azzurra ha conquistato il secondo posto nel trampolino da 1 metro, chiudendo alle spalle della cinese He Zi per soli 10 centesimi.

“Cavolo, stavolta potevo vincere ma sono supercontenta lo stesso” ha poi detto ai microfoni di RaiSport la campionessa alto-atesina. Il rammarico è di aver sfiorato il gradino del podio più alto per appena 10 centesimi: ”Mi viene da ridere perché sono arrivata seconda e sono quasi arrabbiata perché ho perso l’oro per appena 10 centesimi. Pero’ mai avrei pensato di arrivare seconda, quindi sono supercontenta. E’ da ieri che pensavo che stavolta avrei potuto vincere ma in effetti nell’ultimo tuffo potevo dare di più, ma l’ho sbavato un pochino”. Sabato Tania Cagnotto e Francesca Dallapè aveva conquistato, sempre dopo la Cina, la seconda posizione. “Al secondo argento in una settimana sono quasi arrabbiata se penso che per dieci centesimi ho perso l’oro. Questi centesimi mi perseguitano. Speriamo di continuare così, due argenti in una settimana”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Manchester un altro “United”, la squadra che dice no al calcio moderno

next
Articolo Successivo

Tour de France, fatti e fughe – Se la maglia gialla guadagna 250 euro a chilometro

next