Una ragazza tutta d’argento. Altra medaglia per Tania Cagnotto ai campionati del mondo di di nuoto di Barcellona. L’azzurra ha conquistato il secondo posto nel trampolino da 1 metro, chiudendo alle spalle della cinese He Zi per soli 10 centesimi.

“Cavolo, stavolta potevo vincere ma sono supercontenta lo stesso” ha poi detto ai microfoni di RaiSport la campionessa alto-atesina. Il rammarico è di aver sfiorato il gradino del podio più alto per appena 10 centesimi: ”Mi viene da ridere perché sono arrivata seconda e sono quasi arrabbiata perché ho perso l’oro per appena 10 centesimi. Pero’ mai avrei pensato di arrivare seconda, quindi sono supercontenta. E’ da ieri che pensavo che stavolta avrei potuto vincere ma in effetti nell’ultimo tuffo potevo dare di più, ma l’ho sbavato un pochino”. Sabato Tania Cagnotto e Francesca Dallapè aveva conquistato, sempre dopo la Cina, la seconda posizione. “Al secondo argento in una settimana sono quasi arrabbiata se penso che per dieci centesimi ho perso l’oro. Questi centesimi mi perseguitano. Speriamo di continuare così, due argenti in una settimana”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A Manchester un altro “United”, la squadra che dice no al calcio moderno

prev
Articolo Successivo

Tour de France, fatti e fughe – Se la maglia gialla guadagna 250 euro a chilometro

next