La prima medaglia dell’Italia a Barcellona 2013 è griffata dalla premiata ditta Tania Cagnotto e Francesca Dallapè. Le campionesse d’Europa sabato pomeriggio hanno conquistato l’argento nella finale del trampolino tre metri sincro con 307.80 punti. Davanti a loro soltanto le cinesi, Wu Minxia e Shi Tingmao con 338.40; bronzo alle canadesi Jennifer Abel e Pamela Ware con 292.08. “Dopo la medaglia d’oro ai campionati europei di Rostock abbiamo cominciato a cancellare la sfortunata finale delle Olimpiadi di Londra, ma per cancellarla del tutto occorrono altre importanti soddisfazioni. Questa sicuramente è una delle medaglie più belle e soprattutto più desiderate” – ha detto la Cagnotto. 

“La medaglia più bella della mia carriera resta l’argento iridato conquistato a Roma 2009 – le ha fatto eco la Dallapè – ma questa è la medaglia della maturità, dell’esperienza. All’inizio siamo anche state davanti alle cinesi, ma loro sono di un altro pianeta. Diciamo che abbiamo vinto il mondiale tra le atlete normali”. La Cagnotto ha chiuso sottolineando di non guardare ai Giochi del 2016: “Ora è prematuro parlare dei Giochi di Rio de Janeiro. Proseguiremo anno per anno; del resto noi siamo delle gariste. Ciò che ci pesa è l’allenamento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tour de France, fatti e fughe – Nel manubrio di Froome

next
Articolo Successivo

Tour de France, fatti e fughe – Per Le Monde ha vinto ‘Froomstrong’

next