La relazione di Alfano sul caso Shalabayeva non mi ha convinto assolutamente. E’ stata una mezza barzelletta, una presa in giro“. Lo afferma il senatore Pd Felice Casson ai microfoni di “Nove in punto”, su Radio24. “E’ stata una relazione piena di buchi” – continua – “di mancanze e ovviamente parlo a titolo personale. Poi, per carità, ci sono questioni di realpolitik interna, questioni di fiducia e di maggioranza di governo che vanno valutate nel Pd, quindi mi rimetto alla linea del mio partito”. Ma precisa: “Quella di Alfano resta una presa in giro. Non funziona così, non è andata in questo modo né nella fase iniziale, né nella altre fasi. Non credo che la Polizia si comporti in questa maniera. Ci sono ancora molte cose che preoccupano”. Il segretario del Copasir spiega: “Il fatto che per quattro volte la relazione del capo della Polizia si senta in dovere di specificare che il ministro Alfano non è mai stato informato di niente fa un po’ ridere. E mi preoccupa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Kazakistan, Bonino all’ambasciata: “Tutto irrituale: sorpresa e disappunto”

prev
Articolo Successivo

Audizione del capo della polizia in Senato. Segui la diretta streaming

next