Dolores Valandro, consigliere di quartiere della Lega di Padova imputata di “istigazione a commettere atti di violenza sessuale per motivi razziali” per le sue frasi contro il ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge è stata condannata dal Tribunale di Padova a un anno e un mese di reclusione (pena sospesa) e all’interdizione dai pubblici uffici per tre anni. Lo scorso giugno, in seguito ad un episodio di violenza sessuale verificatosi a Genova, la Valandro aveva scritto su Facebook “mai nessuno che se la stupri?”, riferendosi al Ministro. La sentenza è stata letta dal presidente del collegio giudicate del tribunale di Padova Alessandro Apostoli Cappello. Alla lettura la Valandro è uscita subito dall’aula senza dire nulla mentre il suo avvocato Massimiliano Nicolai ha annunciato ricorso in appello.

Stamattina, in aula, la Valandro era scoppiata in lacrime nel corso del dibattimento: “Non era mia intenzione come madre e come donna insultare un’altra donna, mi è però passato davanti agli occhi un episodio capitato a mia figlia anni fa, era stata molestata da una persona di nazionalità non italiana. E’ stato un attimo di impulsività perchè non ho mai visto atti così violenti nei confronti delle donne perpetrati dagli italiani”, aveva detto l’ex consigliere della Lega. “Non era riferito alla Kyenge. Mi era dispiaciuto vedere che il ministro non ha avuto parole di sostegno nei confronti delle donne. Il ministro poteva essere di qualsiasi colore – ha poi concluso – ma è stato un impulso perché non ha detto alcuna parola nei confronti di queste povere donne”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venti deboli per Maserati in seconda posizione, a 60 miglia da Ragamuffin

prev
Articolo Successivo

Brescia, “i due fratelli morti prima dell’incendio nell’appartamento”

next