Non c’era fumo nei polmoni dei due fratellini di 9 e 12 anni ritrovati carbonizzati nella casa del padre a Ono San Pietro, in Valcamonica. Andrea e Davide Iacovone sarebbero quindi morti prima che divampasse l’incendio che ne ha carbonizzato i corpi. Questi i primi risultati dell’autopsia. Sui corpi non sarebbero stati riscontrati nemmeno segni di violenza. Di conseguenza prende corpo l’ipotesi che i due bambini siano morti per avvelenamento.

La Procura di Brescia intanto ha aperto un fascicolo contro ignoti per duplice omicidio. Pasquale Iacovone, padre dei due bambini, è ancora ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Padova in condizioni critiche. Ha riportato ustioni sul 90% del corpo. Il pubblico ministero Eliana Dolce ha disposto nuovi accertamenti all’interno della casa dove si è sviluppato l’incendio. Iacovone, più volte denunciato per stalking dalla moglie, aveva già manifestato l’intenzione di uccidere i figli per vendicarsi nei confronti della donna che lo aveva lasciato quattro anni fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mai nessuno che stupra la Kyenge?”: il tribunale condanna Valandro

next
Articolo Successivo

Malala, il leader dei talebani chiede scusa per l’attacco omicida del Ttp

next