Non c’era fumo nei polmoni dei due fratellini di 9 e 12 anni ritrovati carbonizzati nella casa del padre a Ono San Pietro, in Valcamonica. Andrea e Davide Iacovone sarebbero quindi morti prima che divampasse l’incendio che ne ha carbonizzato i corpi. Questi i primi risultati dell’autopsia. Sui corpi non sarebbero stati riscontrati nemmeno segni di violenza. Di conseguenza prende corpo l’ipotesi che i due bambini siano morti per avvelenamento.

La Procura di Brescia intanto ha aperto un fascicolo contro ignoti per duplice omicidio. Pasquale Iacovone, padre dei due bambini, è ancora ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Padova in condizioni critiche. Ha riportato ustioni sul 90% del corpo. Il pubblico ministero Eliana Dolce ha disposto nuovi accertamenti all’interno della casa dove si è sviluppato l’incendio. Iacovone, più volte denunciato per stalking dalla moglie, aveva già manifestato l’intenzione di uccidere i figli per vendicarsi nei confronti della donna che lo aveva lasciato quattro anni fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Mai nessuno che stupra la Kyenge?”: il tribunale condanna Valandro

prev
Articolo Successivo

Malala, il leader dei talebani chiede scusa per l’attacco omicida del Ttp

next