“Se è stata fatta questa operazione senza informare il ministro dell’Interno, si tratta di una cosa non grave, ma gravissima e i responsabili devono pagare”. Massimo D’Alema (Pd) ha appena terminato il suo intervento di presentazione dell’associazione Italianieuropei a Roma. L’ex premier si sofferma sul caso della signora kazaka Shalabayeva che fa traballare il governo Letta, mettendo a rischio la posizione del responsabile del Viminale Angelino Alfano. Più volte i cronisti gli chiedono se Alfano, in qualità di ministro dell’Interno avrebbe dovuto sapere della cattura della Shalabayeva e di sua figlia e non restarne all’oscuro, D’Alema replica: “E’ una domanda non sensata, perché se nessuno ha detto al ministro della cattura di questa donna e della figlia, Alfano non può essere colpevole di non sapere. Se non glielo dicono, non sa, e questo non è una colpa”. E ribadisce: “C’è un problema di funzionamento” all’interno del Viminale, ma precisa D’Alema “io voglio capire innanzitutto chi ha preso la decisione di catturare una donna e la sua bambina per consegnarle a Nazarbayev, perché questa è una decisione illegale, contraria alla tradizione umanitaria del nostro Paese”. Secondo lei è resposabile in ogni caso Alfano? Chiede ancora un giornalista. “Io non lo so, stanno facendo un’inchiesta, si attende la relazione del capo della polizia”, risponde l’ex premier  di Manolo Lanaro

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costi della politica, Camera. M5S: “Ecco tutti gli stipendi dei dipendenti”

prev
Articolo Successivo

Caso Ablyazov, Alfano riferisce in Senato. Segui la diretta streaming

next