I parlamentari italiani sono sei volte più ricchi del cittadino medio. La denuncia arriva da un report dell‘Independent Parliamentary Standards Authority in Gran Bretagna che ha messo in rapporto gli stipendi dei rappresentanti politici con il prodotto interno lordo. E l’Italia si scopre al nono posto: i parlamentari del nostro Paese hanno una busta paga di oltre 16mila euro, il 60% in più rispetto alla media europea. In testa alla classifica Nigeria e Kenya. A fondo classifica Norvegia, Spagna, Sri Lanka e Svezia. Ma anche Francia dove i parlamentari guadagnano circa 14mila, poco più dei tedeschi che raggiungono i 12mila.

A pubblicare la tabella il giornale inglese Economist, dopo che in patria si discute di un probabile aumento di stipendio dei parlamentari: da 66.396 sterline a 74mila. L’11% in più rispetto alla situazione attuale per una misura che rischia di essere profondamente impopolare al tempo della crisi economica. Una polemica che ha spinto i parlamentari della Gran Bretagna a fare una riflessione pubblica sul tema, dopo che tra il 2011 e il 2013 avevano deciso di congelarsi lo stipendio.

E non è l’unica classifica dove l’Italia risulta maglia nera. Secondo l’elenco pubblicato dall’Ocse per quanto riguarda il gap tra stipendi dei cittadini e dei parlamentari in Europa, risultiamo al primo posto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Costi della politica, Camera. M5S: “Ecco tutti gli stipendi dei dipendenti”

next
Articolo Successivo

Sicilia, Ingroia nuovo commissario di e-Servizi: ‘Tornerò in procura per denunciare’

next