Nelson Mandela non si trova in uno stato vegetativo permanente, come era invece emerso in precedenza, e reagisce a chi gli rivolge la parola aprendo gli occhi. Lo afferma l’emittente televisiva Cnn, citando fonti vicine all’anziano sudafricano, precisando che l’ex presidente è in dialisi, ovvero vive grazie all’aiuto del respiratore artificiale. I medici hanno deciso ieri di non staccare le macchine che lo aiutano a stare in vita nell’ospedale di Pretoria dov’è ricoverato da quasi un mese per problemi polmonari e dove da oltre due settimane il suo stato si è aggravato.

Denis Goldberg, caro amico di Mandela e anche lui in passato imprigionato per avere lottato contro l’Apartheid, lunedì è andato a trovare il premio Nobel per la Pace e ha detto di averlo trovato in una “forma di gran lunga migliore” rispetto a quanto avesse immaginato. In una video intervista pubblicata sul sito della Bbc, Goldberg ha raccontato di essere stato invitato in ospedale dalla moglie di Mandela, Graca Machel, e ha voluto ricordare quanto Madiba, come viene affettuosamente chiamato dai sudafricani, sia “forte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Datagate, Venezuela e Nicaragua sfidano Washington e offrono asilo a Snowden

prev
Articolo Successivo

Egitto, il ‘non golpe’ che piace a Israele, Usa e Siria

next