La procura di Siena ha aperto un’indagine sulla morte di David Rossi, ex capo comunicazione di Mps suicidatosi la sera del 6 marzo 2013.

La decisione del Pm Aldo Natalini arriva in seguito alla pubblicazione su Il Fatto Quotidiano di alcune mail inviate da Rossi all’amministratore delegato di Mps, Fabrizio Viola, nei giorni precedenti alla sua morte. Per questo oggi sono stati sentiti in Procura sei giornalisti che seguono le inchieste relativa alla vicenda del Monte dei Paschi: quello del Fatto Quotidiano, appunto, insieme ai reporter di Ansa, Asca, Reuters, La Nazione e il Corriere Fiorentino. Secondo quanto si e’ appreso sitratterebbe di un fascicolo “per atti relativi”, ma “in trasformazione”: l’ipotesi di reato non è ancora stata indicata. Ai cronisti il pm, in particolare, ha chiesto se erano a conoscenza delle mail, se avevano avuto modo di vederle, e se avevano lavorato su questo.

Da fonti vicine all’inchiesta, inoltre, si apprende che tra Viola e Rossi, oltre alla mail sarebbero intercorse anche delle telefonate; nel corso del colloquio Viola (che era all’estero) e Rossi avrebbero predisposto un appuntamento che l’ad aveva fissato a Firenze per il 7 marzo. Ma Rossi si suicidò il giorno prima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bagheria, imprenditore antimafia minacciato di morte. “Ho parlato troppo”

next
Articolo Successivo

“Espulsione ingiusta, fretta eccessiva”. Il caso del dissidente kazako diventa politico

next