“Spesso ci si scorda dell’educazione”. Risponde così il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, a chi le chiede un commento sull’ennesimo attacco alla magistratura da parte del Pdl. “Si può dire che un giudice è cretino e incompetente”, aveva detto ieri Daniela Santanchè ospite di Lucia Annunziata a ‘In mezz’ora’, su Rai3. Il ministro, a Milano per un convegno in Tribunale sul processo civile telematico, ha esortato a “esprimere le proprie idee con più civiltà, senza dimenticare il rispetto delle persone e delle istituzioni”. La visita del Guardasigilli arriva ad appena una settimana dalla sentenza Ruby a Berlusconi e oggi ad ascoltare la Cancellieri c’era anche il pm Ilda Boccassini. “Solidarietà ai giudici”- dichiara il ministro – “ma soprattutto ascolto e impegno per dare loro soluzioni concrete ai tanti problemi”. Mentre sulla riforma della giustizia, la Cancellieri distingue sulle priorità: “La separazione delle carriere dei magistrati non è un obiettivo del governo”, risponde a chi sottolinea la pressione del Pdl sul tema. E ancora: “Lavoriamo per una giustizia più veloce ed efficiente, anche in una prospettiva europea, di fronte alla quale dobbiamo dimostrare di essere un paese moderno”  di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondi Lazio, Fiorito contro tutti: “Polverini sapeva e Storace incassò di più”

prev
Articolo Successivo

Dossier illegali, chiesti due anni per ricettazione per Tronchetti Provera

next