“Ho letto ieri su un quotidiano nazionale come vi siano tre parole per definire quanto è successo e quanto è oggi al vostro giudizio: dismisura, abuso di potere e degrado. È vero, così è stato”. Questo il testo della dichiarazione resa oggi in aula da Lele Mora e messo agli atti del processo Ruby bis, che lo vede imputato per favoreggiamento e induzione della prostituzione, anche minorile. Parole che però vengono ritrattare appena qualche minuto dopo dallo stesso Mora, durante la prima pausa dell’udienza. “Ho citato quanto detto da un noto quotidiano”, spiega, “ma non condivido, non c’era nessun degrado”. E a chi gli fa notare che le dichiarazioni rese in aula farebbero pensare all’esatto contrario, Mora ribatte rilanciando “stima e amicizia per Silvio Berlusconi”. A quel punto l’imputato decide a ridare lettura del testo, fuori dal Tribunale e a favore delle telecamere. “Io, almeno all’eccesso ed al degrado, come ebbi a dire quando sono stato scarcerato, non ne sono stato un passivo concorrente”, legge. Salvo poi ritrattare ancora una volta quanto appena letto: “Il degrado era solo mio, non di Berlusconi”. Insomma, tutto smentito. Ma uno dei suoi legali, Gianluca Maris, fuori dall’aula rassicura i cronisti: “Vale quanto letto, carta canta”. Prima che l’udienza riprenda, c’è ancora il tempo di chiedere a Mora del famoso prestito che il Cavaliere gli avrebbe concesso grazie alla mediazione di Emilio Fede, che, dice lo stesso Mora, “ha trattenuto il 50% del prestito per il servizio”. “Faremo la fine, io e Fede, dei famosi capponi manzoniani”, aggiunge, “che litigavano tra loro e alla fine ci tireranno il collo”  di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage di Ustica, orror di Stato

prev
Articolo Successivo

Ex senatore De Gregorio: “Verdini comprò deputati anche per la fiducia del 2010”

next