Lo aveva già preannunciato il ministro della Sanità Beatrice Lorenzin nei giorni precedenti: tra poco sarà pronta l’ordinanza del ministero che regolamenterà l’utilizzo delle sigarette elettroniche. Quello che è sicuro è che il provvedimento sarà emanato prima dell’estate, addirittura entro i primi giorni di luglio

L’ordinanza terrebbe in debito conto il recente parere del Consiglio superiore di sanità sulle e-cig, secondo il quale questi prodotti non sono farmaci, in base alle evidenze scientifiche, ma vanno regolati perché evocano la gestualità del fumo. Dunque, spiegava il Css, le e-cig andrebbero vietate ai minori e pertanto nelle scuole, oltre a essere sconsigliate alle donne in gravidanza e a quelle che allattano. L’ordinanza contribuirebbe a fare chiarezza e a tutelare la salute degli italiani, in attesa della direttiva Ue sul tabacco: dopo l’intesa di ieri, infatti, i tempi per il varo definitivo e l’entrata in vigore della normativa potrebbero comunque essere lunghi.

Le misure sulle sigarette elettroniche contenute nel testo approvato ieri dai ministri della Salute europei hanno un orientamento differente rispetto a quello del Css. Per l’Ue il discrimine è legato ai contenuti di nicotina: sotto 1 mg si tratta di prodotti del tabacco, che andrebbero regolati con relative avvertenze, mentre se il contenuto dell’e-cig (e di tutti i prodotti a base di nicotina) è uguale o superiore a 1 mg siamo di fronte a farmaci, che vanno dunque autorizzati come tali e venduti in farmacia

L’ordinanza arriva pochi giorni dopo il ritrovamento di sostanze tossiche all’interno del liquido delle e-cig, analizzate dal dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II di Napoli. Dopo i risultati degli esami, il procuratore di Torino Raffaele Guariniello ha aperto un nuovo fascicolo nell’ambito dell’inchiesta sulle sigarette elettroniche.

 

 

 

 

 

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabrizio Miccoli al telefono col figlio del boss: “Quel fango del giudice Falcone”

next
Articolo Successivo

Fabrizio Miccoli, ministro D’Alia: “Il calciatore deve essere radiato dalla Figc”

next