Indagine a Salerno sui rimborsi elettorali della lista civica Campania Libera, che ha sostenuto Vincenzo De Luca, attuale sindaco e viceministro dei Trasporti, durante le elezioni regionali del 2009. Il pm Maurizio Cardea ha aperto un fascicolo per verificare come siano stati spesi 270mila euro che Campania Libera ha ottenuto come finanziamento dal Pd e 604mila euro che la lista ha ricevuto come rimborsi elettorali. L’inchiesta parte da una denuncia presentata dall’ex consigliere comunale di Salerno e segretario provinciale della Cgil, Fausto Morrone, ascoltato dal pm dieci giorni fa. Al momento non ci sono iscritti nel registro degli indagati.

Un’inchiesta si apre, un processo si potrebbe chiudere con un’assoluzione per De Luca. Il pubblico ministero ha infatti chiesto in tribunale a Salerno che cadano tutte le accuse nei confronti del sindaco di Salerno e degli altri imputati per il caso della delocalizzazione della Mcm, Manifatture cotoniere meridionali. La vicenda risale ai primi anni Duemila, quando la Mcm, di proprietà di Gianni Lettieri, ex presidente degli industriali di Napoli e ora consigliere del Pdl a Napoli, fu trasferita da Fratte a Mercatello; sarebbe stata illegale, in particolare – secondo l’iniziale ipotesi d’indagine – la variante urbanistica adottata per la delocalizzazione e la riqualificazione dell’area. Quattordici gli imputati, accusati a vario titolo di falso e truffa, per i quali è stata chiesta l’assoluzione: tra loro, oltre a Lettieri e De Luca anche l’ex sindaco di Salerno Mario De Biase. Secondo il pm Vincenzo Montemurro non ci sono elementi per ritenere gli imputati responsabili dei reati di cui sono accusati. La prossima udienza è fissata per il 17 luglio, quando gli avvocati del collegio difensivo termineranno le loro discussioni. Nello stesso giorno verrà pronunciata anche la sentenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Omicidio stradale, una sentenza importante

prev
Articolo Successivo

Bozza Cancellieri, lo svuota carceri selettivo: salva solo potenti e benestanti

next