Dalle parole di due famosi sociologi tedeschi, Jürgen Habermas e Ulrich Beck, provengono dubbi, perplessità e sconcerto sul futuro dell’Europa. Ma la critica è rivolta soprattutto al loro paese, la Germania, accusata di eccessiva egemonia. Se Beck è il più esplicito – Europa tedesca.La nuova geografia del potere (Laterza, 2013) è il titolo del suo ultimo libro – anche Habermas punta il dito contro i rischi di una politica sempre più post-democratica.

Partendo da punti di vista diversi, che poi convergono inevitabilmente, discutono le scelte economiche e politiche di Angela Merkel e le responsabilità della Germania nella crisi che sta attraversando l’Europa. Che non è solo una crisi economica: ha radici profonde, originate dalla separazione tra l’élite politica europea che decide e i cittadini che subiscono le decisioni. Ma soprattutto entrambi accusano la Germania di un’egemonia crescente a spese dei paesi più deboli, in particolare quelli della fascia mediterranea, che trovano difficoltà a contenere il debito pubblico, mentre la popolazione è costretta a pesanti sacrifici per reggere il passo con i paesi più ricchi.

Si è venuta creando così una separazione netta tra nord e sud: una sorta di “redistribuzione della ricchezza” dal basso verso l’alto, che allarga la forbice della disuguaglianza sociale, accresce il malcontento e la sfiducia nell’Unione europea. In questo corsa al massacro la Germania gioca un ruolo di primo piano: la sua cancelliera, che Beck ribattezza ironicamente “Frau Merkiavelli”, per le sue machiavelliche qualità di rinviare, temporeggiare, negare, senza mai decidersi e, soprattutto, senza fare nulla di concreto – mostra un doppio volto: all’esterno ferrea sostenitrice di una politica di austerità, mentre, all’interno, cerca consensi in vista delle prossime elezioni con la sua politica neoliberista.

Habermas, l’ultimo grande della Scuola di Francoforte e autore di Questa Europa è in crisi (Laterza,2012), concorda con Beck sui rischi di un’Europa tedesca: la definizione è di Thomas Mann, che la utilizzò nel 1953, parlando a un gruppo di studenti di Amburgo per esortarli a puntare su una “Germania europea”. Ma nessuno poteva prevedere che una Germania Europea si sarebbe mutata in un’Europa tedesca! Habermas trova che «ad essere in discussione è piuttosto il rapporto tra politica e società», dove i cittadini sono sempre più lontani dai palazzi in cui si decide del loro destino e intravede possibili soluzioni nella trasformazione dell’Unità Monetaria in un’Unità Politica, la sola che possa garantire l’uguaglianza dei cittadini sull’intero territorio e conciliare nord e sud. Habermas torna spesso sul rapporto Germania-Europa e sulla rivista on line Social Europe Journal (“Democracy, solidarity and the European Crisis”, maggio 2013) avverte che “posporre la democrazia è una mossa piuttosto pericolosa” e ricorda che la Germania, fin dal 1871, data di fondazione dell’impero tedesco di Bismarck, ha assunto in Europa un ruolo semi-egemonico.

Un’ambizione che l’ha portata ad essere – nelle parole dello storico Ludwig Dehio – “troppo debole per dominare il continente, ma troppo forte per allinearsi”. Per Beck una possibile soluzione sta in un nuovo contratto sociale, evitando di insistere con i salvataggi alle banche, ma aprendo ombrelli di “riparo sociale” per l’Europa degli individui. Una forma efficace di solidarietà transnazionale, dove si legge un invito pressante a “Frau Merkiavelli” affinché rompa gli indugi, abbandoni la politica dilatoria e utilizzi gli ingenti profitti incamerati grazie alla crisi in favore di tutti i cittadini europei. E non solo dei suoi connazionali.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’antieuropeismo da bar di Berlusconi nel sonno di Pd e M5S

next
Articolo Successivo

Disoccupazione, in Europa ci sono 1,7 milioni di posti di lavoro vacanti

next