Dopo l’invito del presidente del Consiglio Enrico Letta affinché la riforma costituzionale dia “risultati in tempi certi” e il diktat di Napolitano ai partiti, è il ministro Gaetano Quagliariello ad avvertire la classe politica: “Nessuno ha interesse a utilizzare l’alibi del tempo per non fare nulla. Se questo accadrà, il mio primo dovere da ministro è dirlo al Paese”. Un rimprovero che non è piaciuto ai colleghi di partito: dal Pdl, che ha già messo a verbale numerose critiche, Sandro Bondi replica: ’Quagliariello finirà per irritare tutti’. Il rischio, se la maggioranza davvero si spaccherà, è che il ddl del governo sull’iter delle riforme venga varato senza la maggioranza dei due terzi necessaria a evitare un referendum confermativo che finirebbe per allungare i tempi. Il ministro ostenta sicurezza e consiglia di intervenire prima sul presidenzialismo, e poi sulla legge delle riforma elettorale intervenendo alla convention delle “Giornate Tricolore“, organizzata da Fratelli d’Italia a Milano, alla quale hanno preso parte anche Raffaele Fitto (deputato Pdl), Mario Mantovani (coordinatore lombardo Pdl) e Francesco Boccia (deputato pd)  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, rischio scissione se esce la Gambaro. E il Pd “vede” la maggioranza al Senato

prev
Articolo Successivo

I referendum compiono due anni. Storia di un tradimento

next