Sono migliaia, tra agenti di polizia e operai, che da ieri sera stanno lavorando senza sosta in piazza Taksim a Insanbul. Subito dopo lo sgombero degli occupanti del parco di Gezy, si sono messe al lavoro squadre di specialisti per rimuovere le barricate costruite dagli occupanti e per cancellare ogni segno della protesta. Taksim è chiusa, anche al transito. La polizia non lascia libertà di movimento nemmeno ai giornalisti, soprattutto quelli dei media stranieri perché, spiega un agente: “Avete solo mentito e dato una brutta immagine del nostro paese”. Intanto i manifestanti hanno organizzato una nuova protesta per il pomeriggio di domenica. Ci si aspetta un’alta partecipazione, infatti la polizia è schierata in forza non solo in piazza, ma anche in tutte le vie laterali  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni in Iran. Il riformista Rohani è il nuovo presidente

prev
Articolo Successivo

Iran, Rohani “il moderato” vince le elezioni. Teheran esulta, falchi occidentali spiazzati

next