“Noi lavoriamo diciotto ore al giorno e non cambia nulla in questo Paese. Non si fa una legge sul conflitto d’interesse o sul reddito di cittadinanza. Ci dicono che i soldi ci sono e se li rubano. E adesso il problema è Beppe Grillo che usa da sempre gli stessi toni?”. Alessandro Di Battista commenta l’ultimo caso scoppiato all’interno del M5S dopo le dichiarazioni della senatrice Adele Gambero e della successiva replica del leader del Movimento che l’ha invitata ad abbandonare i  5 Stelle. “I suoi toni – spiega Di Battista riferendosi a Grillo – non sono di odio, ma di giusta incazzatura perché il Paese sta male. Ed è grazie a questa rabbia sana che noi siamo qui dentro per provare a cambiare le istituzioni“. Di Battista si rivolge anche alla Gambaro e le dice: “A me dispiace per lei, ma dovrebbe ricordarsi che prima di essere una senatrice è una cittadina con l’elmetto che è stata mandata qui dentro da nove milioni di persone per cambiare l’Italia”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge 194 e obiezione di coscienza, presentate nove mozioni alla Camera

next
Articolo Successivo

Afghanistan, Mauro: “La missione italiana continuerà”. L’Aula però è vuota

next