Niente patteggiamenti per Alessandro Proto. Lo ha stabilito il gip di Milano Stefania Pepe, che ha rigettato la proposta di accordo a 3 anni e 8 mesi di carcere per il finanziere di 38 anni con la passione per i giornali che venne arrestato il 14 febbraio scorso con l’accusa di manipolazione del mercato, ostacolo alle attività degli organi di vigilanza e truffa. Il pubblico ministero ha quindi preso parola e chiesto il rinvio a giudizio, su cui deciderà il gip.

”Ho deciso di non difendermi e scegliere il patteggiamento – è quanto si legge in una nota di Proto – perchè l’enorme esposizione mediatica cui sono stato sottoposto negli ultimi mesi avrebbe inevitabilmente ed ingiustamente influito sul buon esito del procedimento. Di comune accordo con il mio avvocato ho quindi deciso di intraprendere una strada certamente più sconveniente per me ma maggiormente cautelativa per le persone che sono legate a me professionalmente”.

“Purtroppo, però ciò non mi è stato concesso e, quindi, mi vedo costretto a difendermi al processo e intendo farlo con tutta la serietà e convinzione possibile”, ha concluso l’ex aspirante editore prima del Corriere della Sera, poi del Fatto Quotidiano e, infine, di Pubblico. Tutte operazioni che a suo tempo erano state pubblicizzate da lui stesso, contribuendo all’esposizione mediatica di cui si lamenta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa, Mori: “Cosa nostra indebolita da arresti, l’accusa è un castello di carte”

prev
Articolo Successivo

Caso Marrazzo, Signorini: “Informai Marina Berlusconi del video col trans”

next