“C’è chi  ha votato il M5S per relegare finalmente Berlusconi nella spazzatura della Storia. C’è chi ha votato il M5S per avere la certezza di liberarsi di Napolitano”. Beppe Grillo, con un nuovo post sul suo blog, elenca una serie di motivazioni che hanno portato l’elettore a preferire il movimento pentastellato. 

L’elenco chiama in causa anche la stampa, attaccata da Grillo nei giorni scorsi. “C’è chi ha votato il M5S – insiste infatti il post – perché in Italia non esisteva un’informazione libera ed era al 68simo posto nel mondo. O perché Travaglio era una brava persona.” Ma anche perché “aveva visto troppe volte Floris, la Gruber, Vespa e Formigli in televisione e voleva al più presto un antiemetico”.

E sulle accuse lanciate dall’ex comico genovese al Parlamento, definito “una tomba maleodorante”, interviene il presidente del Senato Pietro Grasso. “Mi sembra che ci sia un’incoerenza in quanto molti parlamentari del M5S hanno votato alcuni provvedimenti. Ad ogni modo il Parlamento rimane centrale tra le istituzioni dello Stato”. E ancora: “I parlamentari del Movimento hanno votato diverse volte in Parlamento su vari temi come, ad esempio, la mozione sui diritti umani, la restituzione alle imprese dei debiti maturati dalla pubblica amministrazione, su cui si è raggiunta l’unanimità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maroni: “Bossi? Il segretario sono io. E il governo durerà fino ad inizio 2014”

prev
Articolo Successivo

Finanziamento ai partiti, Bonino: “Temo che ddl non migliori”

next