Scorcio del Vomero, Napoli – Foto: Massimo Siragusa

Tutto perfettamente a norma. Colonne, putrelle, portata, distanze di sicurezza, parapetti. Un’opera eseguita nei limiti di legge previsti: richieste, permessi, riunioni tecniche, incontri ai vertici, sindaci, assessori, autorizzazioni comunali, nuovo personale, messa in sicurezza del cantiere, e poi sopralluoghi, architetti, ingegneri, geometri, cene, pranzi, colazioni, carriole, cazzuole, e supercazzuole. Tutto fa Pil. E poco importa se questo manufatto legalizzato è senza fine.

Se manca un fine, è la fine?

Guarda, giudica, commenta, fotografa e invia tutto a fattoinitalia

Gallery 1

Gallery2

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Energie rinnovabili, sorpresa: toccato il 50% dell’offerta

next
Articolo Successivo

Ilva, gip concede la facoltà d’uso degli impianti sequestrati

next