Scorcio del Vomero, Napoli – Foto: Massimo Siragusa

Tutto perfettamente a norma. Colonne, putrelle, portata, distanze di sicurezza, parapetti. Un’opera eseguita nei limiti di legge previsti: richieste, permessi, riunioni tecniche, incontri ai vertici, sindaci, assessori, autorizzazioni comunali, nuovo personale, messa in sicurezza del cantiere, e poi sopralluoghi, architetti, ingegneri, geometri, cene, pranzi, colazioni, carriole, cazzuole, e supercazzuole. Tutto fa Pil. E poco importa se questo manufatto legalizzato è senza fine.

Se manca un fine, è la fine?

Guarda, giudica, commenta, fotografa e invia tutto a fattoinitalia

Gallery 1

Gallery2

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Energie rinnovabili, sorpresa: toccato il 50% dell’offerta

prev
Articolo Successivo

Ilva, gip concede la facoltà d’uso degli impianti sequestrati

next