Una festa sobria dai costi dimezzati, 1 milione e mezzo di euro per il 2013 a fronte dei 2 milioni dell’anno precedente. La parata del 2 giugno lungo i Fori Imperiali a Roma si è aperta con l’armata dei carabinieri e si è chiusa con la fanfara dei bersaglieri. Nel cielo non sono apparse le tradizionali frecce tricolore. A terra mancavano i cavalli e i carri armati. “E’ opportuno con la crisi che viviamo” afferma una signora “serve sobrietà”. “E’ mancata la ciliegina sulla torta come ha affermato l’ex ministro Ignazio La Russa (FdI ndr), peccato per le Frecce tricolori, ma forse è necessario fare economia” aggiunge un ragazzo. “I costi sono altri, non si dovrebbe risparmiare su una festa come quella della Repubblica, molto importante” conclude un signore  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, blitz No Tav e Clown Army. Ma Orlando “non vuole domande”

prev
Articolo Successivo

L’eterno ritorno di antiche violenze contro le donne

next