Un post telegrafico sulle adozioni da parte di coppie omosessuali. Gli pseudo sondaggi sui siti internet (qui trovate quello di Libero mentre qui uno di Datamonitor) indicherebbero che, mentre sul matrimonio tra persone dello stesso sesso l’opinione pubblica sia quasi spaccata a metà, sulle adozioni l’opposizione sarebbe molto più diffusa e convinta.

Vediamo allora se mi riesce di sfrondare la questione da fisime e pruderie di stampo benpensante ponendola nella cornice di una scelta concreta. Io ho una bambina di 15 mesi. Se per disgrazia domani, all’improvviso, dovesse rimanere sola al mondo, io preferirei senza esitazioni che venisse allevata da una coppia gay stabile e benestante piuttosto che finire in un orfanotrofio.

Ecco, mi piacerebbe sapere cosa preferirebbero per i loro figli o nipoti quelli che negli pseudo sondaggi si dichiarano contrari alle adozioni gay e perché giudicano l’orfanotrofio un’opzione migliore per i loro bambini.

Comunque, quale che sia la loro scelta, non vedo perché debbano impedire a me e ad altri che la pensano come me, di esercitare il nostro diritto di scelta. In sostanza vorrei almeno una legge che desse facoltà ai genitori di indicare in caso di morte se i figli sopravvissuti possono essere adottati da coppie anche dello stesso sesso. O persino tale elementare diritto è inaccettabile per questo governo, questo parlamento, questi partiti imbottiti di clerico-bigotti?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrazione, le politiche del “rifiuto” costate oltre un miliardo e mezzo

next
Articolo Successivo

Tunisia, critica il direttore di un ospedale militare: altro blogger a processo

next