Grazie alla recente proroga, entro il 10 giugno 2013, per la gioia di tutti gli italiani andrà compilata la dichiarazione dei redditi
Un documento cartaceo d’altri tempi che si potrebbe tranquillamente superare se ci fosse la volontà politica. 

Con la tracciabilità dei conti correnti, lo Stato è già in grado di determinare il reddito di ogni cittadino, senza che ci sia bisogno di chiederglielo alla fine di ogni anno. Per quanto riguarda le detrazioni, l’annosa pratica di collezionare scontrini e ricevute potrebbe essere superata semplicemente rendendo tracciabili le transazioni economiche soggette a beneficio fiscale.

A San Paolo in Brasile ad esempio è stato introdotto un sistema completamente informatico molto efficiente di detrazioni immediate.
Ad esempio se ci occorre acquistare un medicinale, presenteremo al farmacista la nostra tessera fiscale e ci verrà automaticamente accreditata una percentuale di quanto abbiamo pagato direttamente sul conto in banca.

Nella presentazione Quattrogatti “Come si previene l’evasione fiscale” avevamo visto che norme fiscali troppo difficili da comprendere sono un grande limite alla tax compliance, ossia la totale collaborazione del contribuente nei confronti dello Stato.
E chi ha memoria del dibattito finale dei candidati alle primarie del centrosinistra si ricorderà certo che uno dei temi fondamentali era stato la ‘semplificazione fiscale’. Il candidato sconfitto Matteo Renzi aveva proposto un fisco moderno, in cui è lo Stato a compilare per i cittadini la dichiarazione dei redditi. Bruno Tabacci aveva proposto invece di approfondire le misure brasiliane. Quasi tutti si erano detti a favore di un progressiva limitazione del contante per incentivare la tracciabilità delle transazioni economiche.

Sono passati poco più di sei mesi da quel confronto pieno di promesse e speranze ed ancora nulla è cambiato sul fronte del fisco italiano. Secondo le stime dell’Istat l’economia sommersa italiana si aggira intorno al 17% ed in un periodo di crisi e forte risanamento dei conti pubblici, anche solo fare emergere l’1% del Pil sarebbe decisivo. Semplificare i modelli fiscali ovviamente non migliorerebbe in modo radicale la situazione, tuttavia sarebbe un modo certamente apprezzabile di premiare i cittadini onesti liberandoli dall’onere di perdere ore della propria vita nella compilazione di documenti ormai superabili.

Fabio Cassanelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilva, la bufala dei 40 mila posti a rischio

prev
Articolo Successivo

Surrealismo finanziario: i buchi neri dei soldi delle masse e i profitti dei super-ricchi

next