“L’età dell’innocenza” è il titolo della nuova puntata di Servizio Pubblico, la trasmissione di Michele Santoro in onda giovedì 25 aprile su La7 e in diretta streaming su ilfattoquotidiano.it alle ore 21.10. In studio il deputato Pdl Daniela Santanchè insieme al vicedirettore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio.

Si discuterà delle recenti vicende giudiziarie che vedono coinvolto l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dal “caso Ruby“- per il quale il pm Ilda Boccassini ha chiesto nella sua requisitoria sei anni di reclusione e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici – alla condanna in appello del processo Mediaset, e delle dichiarazioni del capogruppo Pd al Senato, Luigi Zanda, che insiste sull’ineleggibilità del Cavaliere. La condizione essenziale per risolvere i problemi del Paese è che il governo di Enrico Letta duri, ma sulla sua tenuta pesano appunto le vicende giudiziarie del fondatore del Pdl.

Durante la trasmissione gli spettatori potranno interagire sui temi del dibattito attraverso Liquid FeedbackServizio Pubblico sarà trasmesso anche su serviziopubblico.it, sulla piattaforma Web de La7, Youtube e in diretta su Radio Radicale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Saggio bavaglio

prev
Articolo Successivo

“Aprite un giornale!”

next