Alzata di scudi degli imprenditori dopo che il governo ha deciso di affrontare, nel consiglio dei ministri di venerdì, il tema del rinvio dell’Imu sulla prima casa, senza prevedere agevolazioni per i capannoni delle imprese. “Ogni passaggio discriminatorio sarebbe inaccettabile”, ha avvertito il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, sottolineando che “noi abbiamo sempre chiesto e ribadiamo con forza che la sospensione del pagamento dell’Imu deve riguardare anche gli immobili strumentali, compresi alberghi e negozi”.

Più pacato, invece, il commento del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi. “Ritengo che sia positivo che ci stiano ragionando sopra e con attenzione per il settore manifatturiero”, ha detto rispondendo a una domanda sull’ipotesi che sia deluso dal fatto che lo slittamento dell’Imu al momento non valga per le imprese. E ha aggiunto: “Adesso bisogna vedere bene nel dettaglio, ma il fatto che il governo stia valutando l’argomento è l’unica cosa che si può dire adesso”.

Sulla questione è intervenuto anche il segretario generale della Cgil Susanna Camusso. “C’è sicuramente un tema di risorse alle imprese”, ha ammesso commentando lo slittamento della rata Imu anche per capannoni, fabbricati agricoli ed esercizi commerciali. Ma, ha avvertito, bisogna capire se si tratta di “risorse date a pioggia o finalizzate a investimenti e lavoro”. Il leader della Cgil, parlando ai direttivi congiunti di Fp e Flc, ha spiegato: “Sarebbe un segnale di discontinuità uscire dai finanziamenti a pioggia”, altrimenti si ripeterebbero le “Tremonti bis o ter”. Per Camusso occorre quindi “selezionare” e soprattutto “non portar via soldi dai fondi interprofessionali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beni ‘comuni’ svenduti per far cassa: io denuncio

prev
Articolo Successivo

Comune di Milano, il patto di stabilità è più importante dei servizi sociali?

next