Francesco Niro, una delle quattro persone aggredite di Adam Kabobo, è stato dimesso dall’ospedale Niguarda di Milano. Niro, 50 anni, era stato ricoverato al Pronto soccorso dell’ospedale con un trauma cranico facciale e diverse fratture dovute ai colpi di piccone ricevuti. Restano invece sempre molto gravi le condizioni di Daniele Carella, il giovane di 20 anni colpito al cranio, sottoposto ieri ad un lungo e delicato intervento chirurgico. La prognosi rimane riservata.

Nel quartiere Niguarda, intanto, i cittadini chiedono più sicurezza e maggiore attenzione dal parte dell’amministrazione comunale, ma nessuno vuole la “crociata” contro l’extracomunitario. Anche per questo in mattinata si sono verificati momenti di tensione nei confronti di alcuni esponenti della Lega Nord, contestati da un gruppo di cittadini. E’ accaduto intorno alle 11, quando in piazza c’erano alcuni esponenti del Carroccio, tra cui l’europarlamentare Mario Borghezio e Max Bastoni, per una raccolta di firme contro l’ipotesi di facilitare la cittadinanza agli immigrati. Una decina di persone hanno inveito contro di loro, ma l’intervento della polizia ha riportato la calma. Borghezio gridava ai contestatori di essere “comunisti di merda” e “peggio dei clandestini“. I cittadini lo accusavano invece di “avere rovinato l’Italia“, di non sapere niente del quartiere e di quello che “hanno ammazzato” a cui Borghezio “avrebbe sputato in faccia”. E gli chiedevano di restituire la barca e i diamanti, riferendosi alle vicende che hanno coinvolto Riccardo Bossi e l’ex tesoriere del Carroccio Francesco Belsito.

Sul posto, però, rimangono diversi capannelli di persone, che discutono animatamente sia dei terribili fatti di ieri sia del presidio leghista. Su uno striscione i militanti padani avevano scritto “La cittadinanza agli immigrati porta all’invasione del Paese”. Tra i presenti anche Davide Boni, ex presidente del Consiglio regionale e alcuni consiglieri comunali e provinciali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Morti bianche, il lavoro è un diritto. Solo sulla carta

prev
Articolo Successivo

A Roma sfila la ‘Marcia per la vita’, il Papa: “Garantire protezione giuridica embrione”

next