I berlusconiani cavalcano l’onda su internet, puntando a raccattare voti grazie al programma “La guerra dei Vent’anni. Ruby, ultimo atto” trasmesso da Mediaset, la tv del Cavaliere, per dimostrare l’innocenza dell’ex premier. “Su Canale 5  la verità finalmente, era ora..finiamola con questi processi politici!”, scrive su twitter il profilo @GenerazionePdl (formato da “ragazzi e ragazze nati e cresciuti con Silvio Berlusconi”), sottolineando che “saremo ancora più determinati al fianco del Cav dopo aver visto la verità” e “non ci sono parole per definite questa buffonata di processo!!”.

Particolarmente attivo sul social network, con oltre un messaggio al minuto mentre era in onda il programma, è anche il profilo @berlusconi2013, curato dai “volontari digitali” simpatizzanti del leader Pdl. Oltre a riportare quanto detto da Berlusconi intervistato durante il programma, condivide i messaggi di altri simpatizzanti che auspicano a un aumento del consenso per il Cavaliere grazie alla trasmissione televisiva. “Domani #pdl al 40% !”, recita un messaggio condiviso dai simpatizzanti dell’ex presidente. E ancora: “Su canale 5 la verità su questa patetica farsa del processo Ruby!” e “Vi rendete conto che Ruby sta dicendo chiaro e tondo che i Pm facevano pressioni su di lei per incastrare Berlusconi”.

Mentre Giorgio Gaias, che si definisce dirigente provinciale di Giovane Italia e “fiero berlusconiano”, scrive sempre su twitter: “Ragazzi dopo quello che stiamo vedendo l’impegno per il Presidente deve raddoppiare”. E ancora: “Miracolo un amico che ha sempre votato Pd mi ha appena scritto: Avevi ragione Berlusconi è un perseguitato ha conquistato il mio voto!”. E una ragazza giovanissima, i cui messaggi sono più volte ripresi dall’account @berlusconi2013, aggiunge: “Negli altri Paesi le persone possono vivere la loro vita senza doversi preoccupare di essere spiati in ciò che fanno”, precisando che “il lato positivo è che non riusciranno ad eliminarlo (Berlusconi, ndr) in alcun modo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Ruby: Berlusconi non risponde in tribunale, ma sulla tv di famiglia

prev
Articolo Successivo

Caso Ruby, il grande inganno di Canale 5: scomparsi i fatti sgraditi a Berlusconi

next