Un piazza spaccata tra contestatori e sostenitori. Da una parte le urla “vergogna!”, “buffone!”, “mafioso”. Dall’altra le grida “Silvio, Silvio, Silvio” dei militanti Pdl accorsi a sostegno di Silvio Berlusconi, sceso in piazza Duomo a Brescia per una manifestazione “contro l’uso politico della giustizia”. Contestazioni che anticipano il comizio del Cavaliere e che proseguono anche al termine con scambio di insulti e lancio reciproco di bandiere.

Fischi e applausi che si contrappongono continuamente durante il discorso del Cavaliere. Una situazione a cui Berlusconi non è abituato, ma che ultimamente si è già trovato a fronteggiare. Come a Udine quando, durante il comizio in occasione delle elezioni regionali il 18 aprile scorso, si trovò di fronte non solo i supporter osannanti del Pdl, ma anche molti contestatori. Oggi, però, a fischiarlo sono in molti e appartenenti a gruppi variegati, non solo centri sociali e militanti del M5s, anche molti cittadini comuni.

Lo scontro verbale tra berlusconiani e anti inizia ancora prima che Berlusconi cominci a parlare, davanti all’hotel Vittoria dove soggiornano i parlamentari Pdl. Ad accendere gli animi il passaggio di esponenti politici e supporter del Pdl davanti all’albergo dove si trovano anche un gruppo di rappresentanti del Movimento 5 stelle con un banchetto a sostegno del loro candidato sindaco. Salutati al grido di “ladri, ladri, ladri” e “in galera, in galera”, i militanti azzurri reagiscono. Dall’altra parte della via intanto alcuni esponenti dei centri sociali che stavano per raggiungere la piazza vengono bloccati dalle forze di polizia e tenuti a debita distanza. Un militante del Pdl viene raggiunto da pugni e calci. Solo il cordone degli agenti riesce a separare le due fazioni. Molta la rabbia anche contro i parlamentari del centrodestra. “Fascista”, gridano i manifestanti all’indirizzo di Maurizio Gasparri; “Vai a lavorare”, è invece l’invito rivolto alla deputata Daniela Santanchè

E gli insulti volano anche dopo il comizio di Silvio Berlusconi in piazza Duomo. L’area rimane divisa in due anche mentre i manifestanti – sostenitori del Pdl o attivisti di sinistra che contestavano – defluiscono. Agenti antisommossa sono stati chiamati a dividere i due gruppi davanti al sagrato del Duomo. Pesantemente contestato anche l’ex presidente della Lombardia, il senatore Roberto Formigoni, l’unico a lasciare il retropalco direttamente dalla piazza, attraversando la folla. Scortato dai carabinieri,  l’ex ministro Renato Brunetta addebita l’accaduto a ”150 fascisti antidemocratici”: “Mi dispiace che i giornalisti abbiano scritto di questi 150 fascisti antidemocratici – dice Brunetta – e non per le decine di migliaia di democratici che hanno manifestato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Pdl a Brescia, Berlusconi: “I pm vogliono eliminarmi, io non mi spavento”

next
Articolo Successivo

Berlusconi a Brescia. Il refuso della verità

next