I manager italiani sono più corrotti di quelli polacchi o turchi. E’ il risultato di uno studio condotto da Ernst&Young e pubblicato dal quotidiano tedesco Die Welt. L’indice di corruttibilità dei dirigenti del nostro Paese è infatti al 60 per cento, oltre la media mondiale che è del 57 per cento. Il Paese meno corruttibile è la Svizzera con il 10 per cento di manager sensibili a tangenti, seguito da Finlandia, Svezia, Norvegia e Olanda.

L’Italia si posiziona quindi soltanto al quindiciesimo posto nella classifica, partendo dalle Nazioni più virtuose. Meglio di noi fa la Polonia, con un indice di corruttibilità del 59 per cento: un Paese che ha raggiunto la democrazia soltanto nel 1989, dopo cinquant’anni di comunismo. E meno corruttibili dei manager italiani sono anche i colleghi della Turchia, con il 55 per cento.

Il triste primato spetta invece alla Slovenia, che sta lottando con una crisi bancaria e di debito pubblico. Tra i Paesi con la classe dirigente più corrotta, insieme a quelli africani come Kenia e Nigeria, ci sono anche Ucraina e Serbia. Qualche posizione più in giù, prima dell’Italia, si piazzano invece le vittime principali della crisi europea: Portogallo, Grecia e Spagna.

Sorprende la posizione della Germania, che fa peggio della Francia con una quota di corruttibilità dei suoi manager del 30 per cento contro il 27 per cento dei francesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lombardia, i resti della Sanità in mano a Unicredit e Intesa

prev
Articolo Successivo

Eni, confermata multa da oltre 180 milioni per cartello sul mercato della gomma

next