Sono tempi duri per chi non rinuncia alla partecipazione politica. Io, però, resto ottimista. C’è qualcosa che è più forte di quel che si svolge nei palazzi della politica e negli uffici delle banche centrali. È quel che irrompe nella vita di ognuno di noi quando nasce un bambino o ci lascia una persona cara. È allora che si apre uno squarcio sul senso delle nostre vite. È in quello spazio fra la vita e la morte che si racchiude il significato delle nostre esistenze.

Come tra le tagliatelle e il ragù: è nello spazio del contatto fra la sfoglia e il condimento che si recupera il senso del godimento. Ma ci vuole un’arte per permettere il contatto, per aprire i cuori. Un’arte che è quella delle donne che con farina uova e mattarello impastano tagliatelle che avvolgono i sentimenti della loro comunità. Queste donne sono streghe, sciamane a volte. Sono quelle a cui ci rivolgiamo quando la forza della vita ci mostra il nostro essere minuscolo, eppure così importante.

TANTO TANTRA - UN GIALLO TANTRICO CULINARIOUN GIALLO TANTRICO CULINARIO
ALLA LOCANDA “IL GALLO” DI ALFONSINE (RA)
LUNEDI 29 APRILE ALLE 20
Anteprima “mondiale”

Su queste robe ci ho scritto un romanzo: Tanto Tantra. Dedicato alle Sciamane delle Tagliatelle. C’è chi dice che è un giallo-tantrico-culinario. Io non so. So che mi son goduto a scriverlo. Magari a qualcuno si piacerà a leggerlo.

Comunque, romanzo o non romanzo, l’anteprima del libro (che uscirà ufficialmente il 1 maggio) avverrà lunedì 29 Aprile alla locanda il Gallo di Alfonsine (Ra). Che non è solo il posto dove le tagliatelle sono fatte come le faceva mia nonna, ma è anche il luogo dove le due arzdore che la tirano avanti, quando impastano le tagliatelle, lo fanno con un ingrediente segreto che si chiama “relazione”. Quell’ingrediente che spalanca le porte alla “comunità”. L’unica ancora di salvezza in questi tempi bui.

Ma il buio è solo il preludio al giorno che verrà.
E la notte sta finendo (spero).

Ps
Se vuoi partecipare all’anteprima del libro scrivi qui indicando in quanti siete: [email protected]

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Frane in Appennino, è emergenza danni. I sindaci: “Il governo ci ha già dimenticati”

prev
Articolo Successivo

Governo Letta, le proposte dei saggi sulla giustizia penale

next