“Il Salone del Libro non ha mai ospitato, né mai ospiterà, comizi di pifferai magici, burattinai digitali e tenutari di sette”. L’affondo contro Beppe Grillo è di Ernesto Ferrero, il direttore della kermesse che si terrà al Lingotto di Torino dal 16 al 20 maggio e che è stata presentata oggi. Insomma, il leader del Movimento 5 Stelle non è gradito, sebbene nei giorni scorsi fosse dato come possibile ospite per presentare il libro Il Grillo canta sempre al tramonto, scritto con Dario Fo e Gianroberto Casaleggio.

“Ho letto maliziosi rumors – ha detto Ferrero – in cui si alludeva alla possibilità che Grillo facesse la sua apparizione al Salone. Temo che chi lo ha scritto ci conosca male”. Se l’ex comico non è il benvenuto, ci saranno invece Romano Prodi e Laura Boldrini. La boutade, che Ferrero ha poi spiegato ad alcuni giornalisti riferendo che qualche contatto con il leader del Movimento 5 Stelle c’è stato ma che non se ne è fatto nulla, è stata successivamente corretta dal presidente del Salone, Rolando Picchioni, e dall’assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Michele Coppola. “Chiunque si affacci al nostro Salone – ha affermato Picchioni – è il benvenuto, purché la sua presenza sia in linea con lo spirito della manifestazione. La porta è aperta anche a Beppe Grillo, come a chiunque voglia intervenire per confrontarsi seriamente sui problemi dell’Italia”. “Il Salone del Libro – ha rimarcato anche Coppola – è una casa che appartiene a tutti”.

Anche l’anno scorso era stata annunciata la presenza di Grillo per presentare il suo libro Siamo in guerra. Ma a causa delle polemiche, ancora una volta con Ferrero, il fondatore del M5S aveva rinunciato a partecipare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Funerale al sindaco De Magistris. La minaccia è vera, nessuno dice niente

next
Articolo Successivo

Varese, proteste dopo raduno neonazista. Vendola: “Inconcepibile si festeggi Hitler”

next