E’ stato condannato a un anno e 5 mesi Gaetano Gifuni,  ex segretario generale della presidenza della Repubblica. La pena è arrivata per presunte irregolarità nella gestione della tenuta di Castelporziano, relativamente allo sperpero dei fondi destinati dal Quirinale alla tenuta estiva del Presidente della Repubblica. 

L’ex segretario generale della presidenza della Repubblica, la cui pena è stata sospesa, è accusato di peculato e abuso d’ufficio, così come il nipote Luigi Tripodi, che è stato condannato a 4 anni e 6 mesi.  Gifuni è stato condannato in quanto accusato di aver utilizzato la manodopera della tenuta estiva del Presidente della Repubblica per la costruzione di un armadio, di un tavolino e un pergolato destinato alla sua abitazione di via Valadier, a Roma. Oltretutto, per la costruzione dei mobili in legno veniva usato materiale acquistato dalla tenuta per la falegnameria interna.  Tripodi, che al tempo dei fatti era al vertice dell’ufficio tenute e giardini, è stato assolto invece dall’accusa di essersi appropriato di oltre 4 milioni di euro tra il 2002 e il 2008. Assolti anche  l’ex direttore della tenuta di Castelporziano Alessandro De Michelis, Giorgio Calzolari, un funzionario del servizio tenute e giardini del Quirinale, e Paolo Di Pietro, contabile della tenuta presidenziale.

”Nutro rispetto per la sentenza del tribunale di Roma ma certamente non posso condividerla“, ha detto Gifuni, commentando la sentenza della VIII sezione penale del tribunale di Roma. “Non nascondo – ha concluso – la profonda amarezza e il senso di sconcerto che provo in questo momento, dopo oltre 53 anni spesi, con dedizione e lealtà, al servizio delle istituzioni. Amarezza e sconcerto che sono soltanto in parte attenuati dalla fiducia di veder riconosciuta la mia innocenza dai giudici di appello, ai quali, ovviamente, farò ricorso“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regione Campania, rimborsi “truffa” coi soldi pubblici per due consiglieri

prev
Articolo Successivo

Basilicata, arrestati due assessori e un consigliere. Si dimette il governatore

next