I parlamentari modenesi del Pd Baruffi, Galli, Ghizzoni, Guerra, Kyenge, Patriarca, Pini, Richetti e Vaccari hanno “convintamente” votato Giorgio Napolitano, dopo che sono state bruciate le due candidature di Marini e Prodi. “Non ci sono scusanti per quanto accaduto in precedenza- scrivono in una nota- restava solo il dovere di porre rimedio in fretta per restituire al paese certezza e stabilità istituzionale. E la migliore risposta possibile è oggi il presidente Giorgio Napolitano”.

Quanto a Rodotà i parlamentari modenesi gli riconoscono “esperienza e il prestigio accademico utili a ricoprire tale carica istituzionale. Ma non può sfuggire che il radicalismo assunto da Rodotà, sommato alle argomentate ma pur sempre dure critiche al riformismo del pd espresse fin dalla sua nascita, impediscono alla comunità democratica di convergere nella sua interezza sul suo nome. Pertanto la sua figura non poteva, nei fatti, raccogliere i necessari 504 voti”.

In mattinata, un altro consigliere regionale Pd, Thomas Casadei, da Facebook aveva invece invitato i parlamentari a “evitare l’ennesimo, grave, errore: perdere i consensi di tanti democratici e persone progressiste che non riescono a capire perchè, ora, non si vota Rodotá”. Il rifiuto verso l’ex garante della privacy, per Casadei  “è effettivamente incomprensibile”, visto che si tratta di “una figura emblematica dei beni comuni, un custode della costituzione”. Parlamentari Pd, aveva scritto Casadei, “ho cessato di provare a capirvi”

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aldrovandi, la madre Patrizia Moretti: “Il Questore non fu solidale con me”

prev
Articolo Successivo

25 aprile a Monte Sole con Grasso e Camusso. E alla Scuola di Pace si parla di No Tav

next