Il secondo mandato di Giorgio Napolitano voluto dai partiti non ha suscitato proteste solo a Montecitorio, ma anche all’estero. A piazza Tahrir al Cairo, simbolo della primavera araba egiziana, la comunità italiana ha manifestato contro la rielezione del Capo dello Stato, che dà il via al governo delle larghe intese Pd-Pdl. E ha lasciato un cartello appeso in piazza con su scritto: “Da piazza Tahrir no all’incucio (italiani indignati)”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezione Presidente della Repubblica: il Pd e la mossa del Pellicano

next
Articolo Successivo

Pd: il perché della folle strategia suicida

next