Un centinaio di rifugiati politici ha occupato l’anagrafe centrale di Torino al grido “casa, dritti, residenza”. Da quasi tre settimane un gruppo di richiedenti asilo, fuoriusciti dai progetti dell’Emergenza Nord Africa, hanno occupato tre palazzine dell’ex villaggio olimpico al Lingotto. I rifugiati hanno tutti un regolare permesso di soggiorno, che però non permette loro di aver accesso a una serie di servizi di base, come il medico di famiglia. Senza la residenza, chi è stato allontanato dai centri di accoglienza non può iscriversi all’Asl, ha difficoltà ad accedere ai servizi dello sportello lavoro della provincia e difficilmente potrà rinnovare il permesso di soggiorno, che nella maggioranza dei casi scadrà nei prossimi sei mesi. L’assessore alle politiche sociali del comune di Torino ha fissato un incontro con una delegazione di rifugiati per la settimana prossima. “Il problema della residenza per i richiedenti asilo”, spiegavano oggi i manifestanti, “è insoluto da ben prima dell’emergenza seguita alle rivoluzioni in Nord Africa. Ci sono casi di persone domiciliate a Torino da oltre 5 anni, che ancora non hanno ottenuto i necessari riconoscimenti da parte del Comune”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabili, estate in arrivo: si cercano soluzioni da inventare

prev
Articolo Successivo

Milano Smart City, città ad ostacoli per i disabili

next