Surreale, paradossale, imbarazzante. L’oncologo Mario Melazzini, assessore allea Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia, 54 anni, malato di Sla da circa 10, una delle autorità che aprono i lavori del convegno assieme al sindaco di Milano Giuliano Pisapia, parla dalla platea.

La ragione è molto semplice, non c’è modo di farlo salire sul palco visto che Melazzini si muove su di una carrozzina, che sebbene molto avanzata non ha ancora la strumentazione per arrampicarsi sui gradini. Niente di straordinario, per un paese che costringe tutti giorni i portatori di handicap a frustrazioni e difficoltà insuperabili, se non fosse che il convegno che Melazzini deve aprire è un Public Hearing dal titolo “Verso Milano Smart City” e non si svolgesse in uno dei fiori all’occhiello della città, il Museo della Scienza e della Tecnologia.

In parole povere, in questo consesso si parla di città intelligenti, di Expò, di bandi europei, molto di ambiente, ma anche di community e di inclusione. Qualcuno, con involontaria ironia, suggerisce come una delle opportunità economiche per l’Expò di sviluppare un turismo per portatori di handicap. Inclemente puntare il dito su questa mancanza, di fronte allo sforzo degli organizzatori. Forse se non si fosse trattato di un assessore regionale la cosa non si sarebbe notata, anche se sarebbe bastata una passerella inclinata a risolvere il problema, ma a 742 giorni dall’apertura dell’Expo (al 19 maggio 2013) questo più che un segnale di impreparazione è qualche cosa di molto più grave, che non identifica una città ma che spero faccia riflettere sull’uso dell’intelligenza (non artificiale questa volta).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Disabili, estate in arrivo: si cercano soluzioni da inventare

prev
Articolo Successivo

Fecondazione eterologa, i Tribunali riaprono la strada

next