“Sono un po’ precario in questo momento”. A parlare, durante la puntata di Codice a Barre, su Rai tre, è Antonio Ingroia. Dopo la decisione del Csm di trasferire il leader di Azione civile ad Aosta come sostituto, l’ex pm naviga in acque incerte.  “Per il momento sono ancora magistrato in attesa di ricollocamento in ruolo. Non credo di andare ad Aosta, c’è una pratica in corso con la richiesta del presidente della Regione Sicilia, Crocetta, di affidarmi la presidenza della Riscossione Sicilia Spa” . Il Csm, però, ha dato parere contrario. “La procedura non è ancora completata“, ha ribattuto Ingroia. 

Se dovesse riuscire a rimanere in Sicilia, l’ex procuratore aggiunto di Palermo avrebbe un ruolo di “controllo” all’interno dell’ente siciliano. “La situazione di questo ente – ha spiegato Ingroia – non è una situazione ordinaria, c’è molta opacità e poca trasparenza, ci sono sospetti di illeciti, un grosso buco a fronte di una gestione piuttosto allegra. Il presidente Crocetta ha già presentato alcune denunce alla Procura di Palermo, quindi più che una gestione ordinaria il mio sarebbe una sorta di commissariamento dell’ente in linea con il mio profilo professionale. Con tutto il rispetto dei colleghi che lavorano ad Aosta credo che il mio specifico impegno di siciliano mi avrebbe aiutato poco ad Aosta e forse un pò di più in questo incarico”. 

Intanto il sito www.change.org ha lanciato una petizione per revocare il trasferimento di Ingroia ad Aosta. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, imprenditore suicida a Pisa. Un altro si dà fuoco davanti ad un’azienda

next
Articolo Successivo

M5S, polemiche su Crimi in Frecciarossa in prima classe. Lui: “C’era sciopero”

next