Al Teatro Valle occupato di Roma si è svolta la prima assemblea della ‘Costituente dei Beni Comuni’. Un'”insolita alleanza” tra giuristi, teatri occupati, forum e reti di associazioni per proporre una nuova disciplina della proprietà pubblica e di tutela dei beni pubblici fondamentali, riprendendo i lavori della Commissione ministeriale presieduta nel 2007 da Stefano Rodotà. Proprio Rodotà, affiancato da altri giuristi e accademici di riconosciuto prestigio come Ugo Mattei, Gaetano Azzariti e Paolo Maddalena, ha aperto i lavori dell’assemblea. “L’espressione ‘Costituente‘ forse è un po’ retorica – ha spiegato sorridendo Rodotà – ma noi vogliamo riprendere un discorso aperto, che non si è fermato alla commissione che ho presieduto, come hanno dimostrato i referendum del 2011. Credo che le istituzioni non rimarranno indifferenti alle nostre proposte, alcune sono già state presentate in Parlamento”. Nella platea che ha riempito il Valle era presente anche un deputato del Movimento 5 stelle, Adriano Zaccagnini, che si è intrattenuto diversi minuti con Rodotà, raccontandogli l’interesse dei parlamentari grillini per il tema dei beni comuni. Il giurista è uno delle dieci candidature “a 5 stelle” emerse dal voto delle “Quirinarie”. Secondo Zaccagnini, “Rodotà è un’ipotesi concreta, una persona validissima, un vero custode della Costituzione”. Sul suo nome si potrebbe trovare un accordo con il centrosinistra? “Se verrà scelto dai cittadini, lo voteremo e ci aspettiamo che Sel e Pd convergano su di lui – conclude il deputato -. Potrebbe aiutare a trovare una collaborazione su un’agenda di governo”  di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo: “Per disinnescarci pensano anche alle elezioni, partiti cialtroni”

prev
Articolo Successivo

Presidente della Repubblica: i nomi a 5S che Bersani non può rifiutare

next