I borseggiatori pagano addirittura il biglietto. O molto spesso entrano gratis, perché hanno meno di 26 anni e nella maggior parte dei casi sono dei ragazzini. Succede al Louvre, a Parigi, il museo più visitato del mondo (dieci milioni di entrate all’anno). Dove il problema dei furti è sempre più grave. Mercoledì il museo è rimasto addirittura chiuso, perché oltre duecento fra i dipendenti, soprattutto i sorveglianti interni, stanchi di questa situazione, hanno deciso di incrociare le braccia.

Sembra che i problemi maggiori si registrino nell’ala Denon, in prossimità della Gioconda. Stretti stretti, i turisti restano ad ammirare il capolavoro di Leonardo. E queste bande di borseggiatori ne approfittano. Prendono di mira soprattutto gli asiatici: i giapponesi, troppo ingenui, e i cinesi, che hanno la cattiva abitudine di portarsi dietro grosse somme di denaro. I ladri vengono buttati fuori, una volta colti sul fatto, ma spesso, minorenni o no, ritornano dentro il giorno dopo. Secondo i sorveglianti del museo, sarebbero in molti casi originari dell’Europa del’Est. E loro, i dipendenti del Louvre, devono sopportare insulti, qualche percossa. Alla fine hanno detto basta…

Lo sciopero (anche se non si è trattato di un vero e proprio sciopero) di mercoledì ha avuto subito degli effetti, perché ieri, giovedì, una volta riaperti i battenti, mentre rapidamente, come sempre, si formava la fila in corrispondenza della Piramide trasparente, una ventina di poliziotti in uniforme è penetrata nel museo e ha cominciato a perlustrarlo. La loro presenza dovrebbe rivelarsi dissuasiva. «Speriamo che restino il più a lungo possibile, anche parecchi mesi – ha detto l’amministratore generale del museo, Hervé Babaret, ai giornalistii -: almeno fino a quando ritorneremo a una situazione normale». Intanto si sono visti i turisti cinesi con le borse davanti, sulla pancia, sotto controllo. Le informazioni cominciano a circolare…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gabriele Sandri, per la Corte dei Conti Spaccarotella deve 1,5 milioni allo Stato

prev
Articolo Successivo

Se Roma resta senza casa: obbligati a occupare per avere un tetto

next