Tasse locali alle stelle. Le imposte di regioni, comuni e province sono aumentate in un anno di 9,2 miliardi, raggiungendo un totale di 182,9 miliardi con un incremento del 5 per cento. E dire che sembrava ormai iniziato un trend positivo, di riduzione delle tasse locali, partito nel 2008 e proseguito l’anno successivo.

Ma già nel 2010 le imposte sono tornate a salire e l’anno successivo la tendenza è stata confermata con ulteriori incrementi. Proprio nel periodo della crisi economica, quando cresce il numero delle famiglie in difficoltà, gli enti hanno deciso di alzare l’asticella delle entrate fiscali, con incrementi annuali che superano anche il 10 per cento. I dati, contenuti nelle tabelle dell’Istat, mostrano che rispetto a 10 anni prima le entrate fiscali, tra imposte dirette e indirette, sono aumentate di 44,5 miliardi, segnando un rialzo del 32,2 per cento.

Tornando al confronto annuale, secondo i dati più aggiornati dell’istituto di statistica, le imposte comunali dal 2010 al 2011 sono cresciute di 4,8 miliardi arrivando a 100,8 miliardi. Seguono le regioni, che hanno portato il gettito complessivo a 77,5 miliardi, mentre le province hanno aumentato gli incassi di quasi mezzo miliardo, arrivando a 4,7 miliardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il mercato delle armi non conosce crisi. E la Cina è sempre più leader

prev
Articolo Successivo

Crisi economica, chiacchiere e Tv

next