perladelgardaTra le bevute degli ultimi anni mi sono imbattuto spesso e con interesse nel Lugana, un tipo di Trebbiano che si coltiva al confine tra Lombardia e Veneto, nelle province di Brescia e Verona sulla riva meridionale del lago di Garda. Un vitigno capace di diverse espressioni: a volte più muscoloso e carico olfattivamente (specie nell’area veneta, dove troppo spesso lo trovo al limite del caricaturale) altre più sottile e in linea con il vitigno, senza per questo rinunciare a complessità e potenzialità d’invecchiamento. Al di là delle varianti geografiche in generale non amo il modello robusto che scoraggia un po’ la beva anche nelle sue versione più celebrate – penso a Ca’ dei Frati che ne fa versioni ineccepibili ma un pochino ostiche, almeno per chi scrive.

Ultimamente grazie a una degustazione organizzata a Milano dall’Enoluogo di Civiltà del bere ho avuto modo di assaggiare i vini di Perla del Garda e ne sono rimasto generalmente piacevolmente colpito. L’azienda – partita nel 2006 e condotta da Giovanna Prandini – conta 30 ettari complessivi e produce 120.000 bottiglie, di cui la metà dedicate al vino base, il più fresco e beverino del lotto, ma non il più interessante. Le vigne hanno 20 anni e sono situate in una zona collinare dell’entroterra su terreni calcarei-argillosi che ne esaltano la mineralità. 

Le prime sorprese arrivano dalle bollicine: Perla del Garda produce tre versioni tutte coraggiosamente (o inconscientemente?) nel formato magnum, dal design originale. Buono il Lugana in purezza, tutto giocato sulla freschezza e la croccantezza, meno riuscito l’uvaggio Lugana e Chardonnay che ho avuto la sensazione eccedesse nei livelli di solforosa, mentre svetta l’unico Blanc de Blancs: Chardonnay in purezza con una fermentazione di 44 mesi . Un Extra Brut elegante e complesso, bello in bocca e concorrenziale alla vicina Franciacorta. Si porta via con 20 euro in cantina (parliamo sempre di magnum) e mi pare un bel bere.

Tra gli altri assaggi ho trovato molto interessante il Madre Perla, Lugana Doc 2009, bianco complesso e ricco di sfumature con un affinamento pre-imbottigliamento di 17 mesi e niente legno. Ha una spiccata acidità e delle belle note tostate in bocca, ma ci si attende una bella evoluzione (il naso è ancora un po’ timido). Da prendere e dimenticare in cantina, potrebbe dare delle sorprese. Tra gli assaggi anche un esperimento interessante – quanto al limite dell’autoreferenziale – ovvero una vendemmia tardiva, non esattamente il trattamento per cui è noto il Lugana. Un vino che cerca lo sviluppo di muffa nobile e non risulta mai stucchevole nonostante i quasi 40 g/l di residuo zuccherino. 
 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricette on line: cosa cercano gli italiani in rete?

next
Articolo Successivo

Pasqua 2013, la ricetta della colomba salentina di Antonio Campeggio

next