“Ce la possiamo fare”. È questo che penso da quando ho sentito la limpida voce di Laura Boldrini, donna, né giovane né vecchia, sensibile e intelligente, ricca di esperienza politica ma non logorata dalla politica come professione, parlare al Paese da una posizione di prestigio. Ce la possiamo fare noi, prima metà del cielo (la più numerosa, la meno garantita). Ma soprattutto ce la può fare l’Italia. Possiamo uscirne. Persone perbene, intelligenti e appassionate ce ne sono molte. Non sono la maggioranza, ma non sono neanche uno sparuto drappello di martiri. Bisogna andarli a cercare. Eleggerli.

Coinvolgerli. La classe dirigente può essere radicalmente rinnovata. Non è una “mission impossible”. Come è successo il miracolo Boldrini? Certo, per la rinnovata forza del movimento delle donne ma, come il miracolo Grasso, anche per obbligo, con i politici di lungo corso condizionati dai neoeletti cinquestellini. Per necessità, con i leader costretti al coraggio dalla disperazione (il povero Bersani). Per sopravvenuta ineleggibilità delle solite facce di mummia, impresentabili per noi ma, finalmente, anche per quel centinaio di “noi” che è, miracolosamente, sbarcato in Parlamento.

Grillo sarà pure quella mina vagante che dicono, ma i cinquestellini sono una magnifica risorsa. Soprattutto se imparano a disobbedire.

da Il Fatto Quotidiano del 19 marzo 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Boldrini for President (o preferite D’Alema?)

prev
Articolo Successivo

Toponomastica delle grandi donne dimenticate

next