Dalla biblioteca Girolamini di Napoli furono rubati 1500 volumi, alcuni preziosissimi. E oggi l’ex direttore della struttura saccheggiata, Marino Massimo De Caro, è stato condannato a 7 anni di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici al termine del processo con rito abbreviato per la sottrazione di centinaia volumi. Nell’inchiesta, che si è sviluppata in più tranche, è indagato anche il senatore Pdl Marcello Dell’Utri, bibliofilo, cui il responsabile della biblioteca aveva regalo alcuni dei tomi. Dell’Utri, interrogato lo scorso febbraio, aveva confermato di aver ricevuto i libri – tra cui una copia dell'”Utopia” di Tommaso Moro, da De Caro ma senza conoscere la provenienza. Dell’Utri ha già restituito due libri e all’appello mancherebbe anche l’esemplare più prezioso perché il politico avrebbe detto di non essere riuscito a ritrovarlo, dal momento che ha dovuto in parte smantellare, per mancanza di fondi, la biblioteca che possedeva a Milano e nella quale presumibilmente l’opera si trovava. Nel registro degli indagati c’era finita anche Maria Grazia Cerone, collaboratrice del senatore Marcello Dell’Utri. 

Il senatore, accusato di peculato, era già stato convocato una prima volta dai pm nei mesi scorsi, ma in quella circostanza si era avvalso della facoltà di non rispondere. La spoliazione della storica biblioteca napoletana aveva portato in carcere cinque “topi di biblioteca” arrestati dai carabinieri per la tutela del patrimonio artistico proprio per il furto di antichi volumi e manoscritti custoditi nella biblioteca. In carcere era finito proprio De Caro, direttore fino al 19 aprile 2012 quando aveva annunciato la sua autosospensione dall’incarico dopo il sequestro della struttura. Gli investigatori dell’Arma avevano ricostruito nei dettagli i meccanismi attraverso i quali la biblioteca veniva depredata e attraverso quali canali i libri finivano in importanti librerie antiquarie. 

Lo scorso 29 gennaio i carabinieri avevano effettuato una seconda tranche di arresti per la spoliazione della biblioteca con l’accusa è associazione a delinquere finalizzata al peculato, alla falsificazione ed alla ricettazione di migliaia di volumi antichi. La scomparsa dei libri fu messa in relazione con la discussa nomina dell’allora neo-direttore della biblioteca De Caro, già consigliere del Ministro per i Beni e le Attività culturali. Vennero subito avviati i contatti con l’Interpol tedesca, per bloccare i libri in procinto di essere venduti presso una casa d’aste di Monaco di Baviera

Per De Caro l’accusa aveva chiesto dieci anni. Il giudice ha condannato anche gli altri cinque imputati: cinque anni e quattro mesi e interdizione perpetua dai pubblici uffici per Viktoriya Pavlovsky; quattro anni e otto mesi e interdizione per cinque anni dai pubblici uffici per Alejandro Cabello e Mirko Camuri; due anni e otto mesi per Paola Lorena Weigandt e Federico Roncoletti. I sei sono stati riconosciuti colpevoli di peculato. Il 26 marzo prossimo comincerà l’udienza preliminare al termine della quale il gip deciderà sul rinvio a giudizio di De Caro e altri 13 imputati per il reato di associazione a delinquere. Il gip Egle Pilla ha stabilito una provvisionale di 10mila euro al Comune di Napoli, che si è costituito parte civile. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mediatrade, “Contro Berlusconi prove insufficienti a sostenere accusa”

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco denunci le collusioni interne alla Chiesa

next