Il Venezuela del dopo Chavez è già cominciato. Ha prestato giuramento Nicolas Maduro, come presidente ad interim del Paese, chiedendo “l’immediata” convocazione delle elezioni per scegliere il successore dell’ex presidente venezuelano. La cerimonia d’insediamento è stata duramente contestata dall’opposizione. “Nicolas, tu non sei stato eletto”, ha sottolineato in una conferenza stampa Henrique Capriles, leader dell’antichavismo, poco prima del giuramento avvenuto al parlamento di Caracas.

Quella che si è chiusa in queste ore è stato per il Venezuela una settimana drammatica. Hugo Chavez è morto martedì e subito dopo è scattata nel Paese un’ondata di commozione: la scomparsa dell’uomo che è stato al potere del fin dal 1999 è stata salutata da milioni di venezuelani e proseguirà ancora per almeno altri sei-sette giorni. All’Accademia militare di Caracas si sono svolti ieri i funerali di Stato, alla presenza di una trentina di leader latinoamericani, oltre al presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. “A nome della più assoluta lealtà nei confronti del comandante Chavez, giuro che rispetteremo e faremo rispettare questa costituzione, con la mano dura di un popolo deciso ad essere libero”, ha sottolineato nel giuramento Maduro, vestito di nero e con la fascia presidenziale con i colori del Venezuela. “Scusate il dolore e le nostre lacrime, ma questa presidenza appartiene al comandante Chavez”, ha tra l’altro detto Maduro, assicurando che intende portare avanti “il socialismo bolivariano” e che le forze armate di Caracas “non alzeranno mai i propri fucili contro il popolo di Bolivar e Chavez”.

Maduro ha inoltre annunciato il nome del nuovo vicepresidente, Jorge Arreaza, il ministro per la Scienza e la tecnologia, sposato con una delle figlie di Chavez. Poco prima della cerimonia, il leader dell’opposizione Capriles aveva pesantemente criticato il giuramento, accusando la Corte suprema di giustizia di “frode costituzionale”, in quanto lo stesso Tribunale aveva ore prima deciso che Maduro non doveva rinunciare al suo incarico per candidarsi alle elezioni anticipate, da convocare entro 30 giorni.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, polemica sull’abolizione dei vantaggi fiscali al diesel. Governo diviso

next
Articolo Successivo

Elezioni 2013, 5 lezioni per l’Europa

next