Governo dei Partiti, governo del Presidente, governo tecnico, governissimo, governucolo: media che vai, formula che trovi. E (quasi) tutti quelli che sanno di capirci bollano come una dabbenaggine alla Gervaso –quello dei Promessi Sposi- l’idea di Bersani che, siccome lui e il Pd hanno avuto più voti degli altri, tocca a lui e al Pd provarci per primi, a formare il governo. Non si può -capisco io-, sostanzialmente perché Grillo non vuole, in attesa che si capisca che cosa vogliono i grillini, sia come gruppo sia individualmente, ché, almeno fino a ieri, venivano tutti trattati come borg etero-diretti.

Scusate se m’intrometto, io che dichiaratamente so di non capirci –e do per scontato l’invito a continuare a occuparmi di esteri, d’Europa e d’America-. Scusate, ma di che cosa stiamo parlando? Siamo andati a votare –avevo capito- perché ‘basta con i governi tecnici’. E adesso, perché Grillo o un grillino lo ipotizza o lo scarta, stiamo subito a elucubrare di nuovo su governi tecnici? Siamo andati a votare –avevo capito- perché ‘basta con i banchieri al governo’. E, adesso, pensiamo subito a Passera?

Siamo andati a votare –io ho capito- per dire la nostra e una maggioranza, relativa, risicata, insoddisfacente (per l’alleanza Pd e Sel) ha detto Bersani premier. Dunque, la regola del gioco è che Bersani ci provi, se non decide di passare la mano. Ci riuscirà, si brucerà, farà o non farà così il gioco di questo o di quello, questa è un’altra storia.

Chi ha votato Bersani non l’ha certo fatto per vederlo poi formare un’alleanza di governo con Berlusconi. E chi ha votato Grillo non l’ha certo fatto per vedere l’Italia andare alla malora. Né nessuno ha dato a Grillo o al M5S un diritto di veto sulle opzioni altrui, democraticamente praticate. Mi viene il dubbio che, dietro come i media raccontano queste giornate, ci sia il fatto che molti di noi giornalisti si stiano facendo una verginità grillina. Come se l’erano fatta berlusconiana vent’anni fa; comunista, anzi ‘euro-comunista’ o ‘catto-comunista’, quarantanni fa; e democristiana sessant’anni fa: ogni generazione, la sua verginità. Perduta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napolitano: “Impossibile convocare Camere in anticipo”. Monti vede Renzi

next
Articolo Successivo

Caro Grillo, alla roulette si può anche perdere

next