manifesti TursksonPeter Kodwo Appiah Turkson ha una faccia che si può definire simpatica. E i romani l’hanno osservata, un po’ curiosi e un po’ insospettiti, sui manifesti (finti) per il conclave: vota Turkson. Sguardo puntato verso l’alto e un improbabile simbolo con una croce più politica che religiosa. I porporati non dovranno segnare la scheda, ma semmai scrivere il suo nome.

Quello di un cardinale ghanese, madre metodista e padre cattolico, istituzione nel paese africano e grande amico di Kofi Annan, il connazionale ex segretario generale Onu. Turkson è davvero un papabile, promosso al Pontificio Consiglio per la giustizia e la pace da Benedetto XVI.

Quella faccia ha un colore, il nero, che vale una rivoluzione, ancor di più di quelle dimissioni di Ratzinger recitate in latino. Quando i rosari sono sgranati, in Curia ne discutono: può il Vaticano cambiare pelle? Il resto del mondo è pronto. Il resto d’Italia, che esprime 28 elettori, non vuole mollare il potere. Neanche in prestito.

Il Fatto Quotidiano, 2 Marzo 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dimissioni Papa, l’ultimo scritto è un tweet. Collegio Cardinalizio gestirà Sede Vacante

next
Articolo Successivo

Conclave, chi tifa per il ticket che assolve i peccati

next