Elettori, simpatizzanti, attivisti e deputati, tutti insieme. A pochi giorni dalle elezioni, una parte della galassia del Movimento 5 Stelle di Roma si è incontrata per festeggiare i risultati trionfali con un boccale di birra. Il ritrovo è al Druid’s, pub irlandese di fronte alla basilica di Santa Maria Maggiore, nel centro della capitale. Il clima è disteso, ma alle domande sull’annuncio via blog di Beppe Grillo (e sull’intervista di Casaleggio al Guardian) con cui i vertici del Movimento hanno chiuso la porta in faccia al Pd, i neo deputati grillini non vogliono rispondere. “La linea la dettano Grillo e Casaleggio? Quale linea? Io sono in formissima” – scherza Alessandro Di Battista, 34 anni, fresco di elezione tra i banchi di Montecitorio. Nel gruppo dei 5 stelle, alla Camera, siederà anche la trentanovenne Carla Ruocco. Che rivendica: “Non siamo burattini, condividiamo la linea del movimento”. Ma sulla fiducia al centrosinistra al Senato, chi e quando decide? La Ruocco evade, sorridendo: “Questo dovete chiederlo ai senatori, non posso rispondere a nome loro” di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, M5S Lazio: “Vinto ricorso su schede annullate con preferenza Grillo”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Napolitano ai partiti: “Misura, realismo e senso di responsabilità”

next