L’ennesimo atto di violenza a Roma avviene di fronte alla basilica di Santa Maria Maggiore in pieno centro. Una vera e propria sparatoria tra tre banditi e i vigilantes del portavalori che hanno provato a svaligiare. Una delle guardie giurate è stata ferita, ma non è in pericolo di vita, mentre uno dei banditi è stato ucciso. Si tratta di Giorgio Frau, ex appartenente alle Brigate Rosse. I tre rapinatori sono arrivati in scooter e, travestiti da postini, hanno atteso il furgone. Appena ha raggiunto la Banca Popolare di Sondrio di via Carlo Alberto, è partito l’assalto dei rapinatori. La sparatoria è avvenuta a una distanza ravvicinata. Una pioggia di proiettili in una via di snodo nel quartiere Esquilino. Abitanti e negozianti della zona sono attoniti: “Sembravano dei petardi, dei botti di capodanno – raccontano molte delle persone che hanno sentito gli spari – poi abbiamo visto il cadavere e le persone in fuga”. Le parole ricorrenti, tra i romani dell’Esquilino, sono sempre le stesse: “Mai visto niente del genere”  di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Infanticidio, la solitudine della madre

prev
Articolo Successivo

Roma, ancora una sparatoria: feriti due giovani in via Prenestina

next