Nessun governissimo con Silvio Berlusconi. L’alleanza è possibile con il Movimento 5 Stelle, ma è a Beppe Grillo che spetta la responsabilità di aprire al Partito democratico. Massimo D’Alema, intervistato dal Tg1, ha escluso un’intesa con il Pdl, “sarebbe un errore gravissimo”.  “Se Grillo si illude di spingerci verso un governissimo con Berlusconi perché pensa di averne un vantaggio si illude – ha spiegato il presidente del Copasir – Non lo faremo mai. Lunica soluzione possibile oggi è un governo di minoranza guidato da Pier Luigi Bersani“. Per questo secondo D’Alema “Grillo deve assumersi le sue responsabilità, sennò sarà responsabile di nuove elezioni”. Il suo pensiero è chiaro: “Spetta al Pd fare il governo. Bersani è pronto a presentarsi. Le altre forze devono assumersi le loro responsabilità”. L’ex presidente del Consiglio ha poi concluso rinnovando l’appello ai partiti, affinchè ci sia “una comune assunzione di responsabilità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S e Pd, dal pragmatismo al gioco del cerino

prev
Articolo Successivo

Nuovo governo, ecco (numeri alla mano) le possibilità di Pd e Movimento 5 Stelle

next