Nessun governissimo con Silvio Berlusconi. L’alleanza è possibile con il Movimento 5 Stelle, ma è a Beppe Grillo che spetta la responsabilità di aprire al Partito democratico. Massimo D’Alema, intervistato dal Tg1, ha escluso un’intesa con il Pdl, “sarebbe un errore gravissimo”.  “Se Grillo si illude di spingerci verso un governissimo con Berlusconi perché pensa di averne un vantaggio si illude – ha spiegato il presidente del Copasir – Non lo faremo mai. Lunica soluzione possibile oggi è un governo di minoranza guidato da Pier Luigi Bersani“. Per questo secondo D’Alema “Grillo deve assumersi le sue responsabilità, sennò sarà responsabile di nuove elezioni”. Il suo pensiero è chiaro: “Spetta al Pd fare il governo. Bersani è pronto a presentarsi. Le altre forze devono assumersi le loro responsabilità”. L’ex presidente del Consiglio ha poi concluso rinnovando l’appello ai partiti, affinchè ci sia “una comune assunzione di responsabilità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5S e Pd, dal pragmatismo al gioco del cerino

next
Articolo Successivo

Nuovo governo, ecco (numeri alla mano) le possibilità di Pd e Movimento 5 Stelle

next